EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Menu Filter

Collezione – Sala 1 Museo Archeologico Dorgali

 

sala 1Neolitico Recente - Età Nuragica

Sala 1
home
Home
collezione museo
Collezione
Pianta_web_sala1

Nella sala 1 (vetrine 1-26) sono esposti i materiali ascrivibili al periodo compreso tra il Neolitico Recente e l’età nuragica: al Neo-Eneolitico sono attribuibili gli strumenti in selce, ossidiana, in pietra verde etc. (accettine, lame, raschiatoi, foliati, punte di freccia, pendagli etc.) provenienti da varie località (Funtana Cuà, Locu Secau, Lottoniddo, Oroviddo, Palmasera, Sas Predas Ladas, Sos Tusorzos, Toloi etc.); alla Cultura di Ozieri (3800-2900 a.C.) afferiscono gli strumenti in osso e in pietra e i frammenti di vasi con decorazioni impresse, recuperati in grotta (Bue Marino, Corallinu, Sos Sirios, Sos Dorroles), in domus (Marras, Canudedda) o all’aperto (Doinanicoro, Baluvirde); testimonianze della Cultura di Monte Claro (2900-2550 a.C.) provengono dalle domus di Marras, Pirischè e Campu Marinu; alla Corrente del Vaso Campaniforme (2850-2000 a.C.) è attribuibile il piccolo brassard con foro di sospensione rinvenuto nel dolmen di Motorra e il frammento di ciotola decorata ritrovato nei pressi della domus di Lottoniddo; alla Cultura di Bonnanaro (2350-1700 a.C.) si ascrivono i materiali rinvenuti nei dolmen di Motorra e di Sa Barva, nelle domus di Mariughia e Lottoniddo e in grotta (Fuili, Sas Frumicas, Su Anzu); alcuni frammenti ceramici tipici di questa cultura e pertinenti a tazze, olle, vasi polipodi, provengono invece dalla nota tomba di giganti di Thomes. La sala presenta, con particolare evidenza, anche i materiali rinvenuti nel villaggio di Serra Orrios, uno degli abitati nuragici più noti e visitati della Sardegna: si tratta di strumenti in pietra (brunitoi, affilatoi), lisciatoi decorati in steatite, matrici di fusione, frammenti di macine in basalto, strumenti per la lavorazione dei tessuti (fusaiole, pesi, rocchetti) e numerosi frammenti ceramici (afferenti a tegami, olle, brocche, giare, lucerne etc.); in questa sala sono inoltre esposti alcuni reperti in bronzo di ottima fattura (doppia ascia a tagli paralleli rinvenuta nel villaggio di Serra Orrios; pendagli a catenelle, con pendenti laminari e lanceolati, decorati con punti impressi e borchiette ritrovati nel sito di Tillai) e vari reperti rinvenuti durante gli scavi, tuttora in corso, del villaggio di Nuraghe Arvu.